Archive for the ‘PS3’ Category

Leggere i file .docx in OpenOffice e .odt in Office

18 settembre 2007

Finalmente riesco a pubblicare qualche articolo con una cadenza un po’ più regolare 😀 …

Scrivo questo post perché sembra che “leggere docx in OpenOffice” sia una delle chiave di ricerca più usate negli ultimi tempi per arrivare al mio blog. Nell’articolo di qualche tempo fa, si è parlato dei file .docx, ma non è mai stata data una risposta esaustiva alla domanda: “Ho ricevuto un file di Word 2007 .docx. Come faccio ad aprirlo nel mio amato OpenOffice?”. Con questo post cerco di rispondere in modo semplice a questa domanda e di spiegare come fare il viceversa, cioè aprire un file in OpenDocument .odt in Word.

Ci terrei a dire che la cosa migliore da fare quando si riceve un file di questo tipo è rispedirlo al mittente e farsene mandare una copia in un formato più leggibile, perlomeno in .doc, il formato di Word da secoli, chiuso ma nella maggior parte leggibile, sempre che non contenga formattazione complessa o macro, ma nella maggior parte dei casi non ci dovrebbero essere problemi. La cosa migliore sarebbe farsi mandare direttamente un file OpenDocument, un PDF o un file HTML, ma se proprio non riuscite a farvene mandare un’altra copia, potete riuscire comunque a leggere il file in modo discreto anche con il nostro amato OpenOffice. Il metodo dovrebbe funzionare anche per .xlsx e .pptx 🙂

Aprire file .docx in OpenOffice:

PER USARE QUESTO CONVERTITORE E’ NECESSARIO USARE L’ULTIMA VERSIONE DI OPENOFFICE.ORG DISTRIBUITA DA NOVELL®. NON FUNZIONA CON IL “NORMALE” OPENOFFICE.ORG: spiegazioni maggiori qua

The odfconverter-1.0.0-2.oxt file works only with Windows, and the odf-converter-1.0.0-5.i586.rpm file works only on SUSE® Linux Enterprise, SUSE Linux, and OpenSUSE. On both platforms, the OpenXML Translator works only with the latest Novell® edition of OpenOffice.org

Per fare questo è necessario scaricare questo file dal sito di Novell e scaricate il file .oxt che è un’estensione per OpenOffice. Non sono molte, ma dalla versione 2.0.4 di OpenOffice esistono le estensioni proprio come ci sono in Firefox. Se avete una versione precedente di OpenOffice è necessario aggiornarla. L’ultima è la 2.3 che per ora non è disponibile in italiano, ma è questione di giorni e dovrebbe uscire (rimanete sintonizzati sul blog 😀 ). Per installare l’estensione ci sono le istruzioni sul sito, ma sono in inglese. Chi fosse in difficoltà a capirle può seguire queste (è una cosa semplicissima, comunque):

Su Linux:

  1. Slavare il file odf-converter-1.0.0-5.i586.rpm che hai scaricato sul disco
  2. Aprire il terminale (N.d.Sleeping: ad esempio Konsole) e digita “su” per diventare root e inserisci la password di root
  3. Spostarsi nella cartella che contiene il file rpm che hai salvato e poi digita il seguente comando:

rpm -Uvh odf-converter-1.0.0-5.i586.rpm

  1. Riavviare OpenOffice.org, se è aperto

Su Windows:

  1. Scaricare il file odfconverter-1.0.0-2.oxt sul disco
  2. In OpenOffice.org, clicca su Strumenti – Gestione Estensioni e poi cliccare su Aggiungi
  3. Selezionare il file odfconverter-1.0.0-2.oxt da dove l’hai salvato
  4. Cliccare su Apri

Nota: i file con l’estensione .oxt vengono solitamente definiti “UNO Package Bundles” in OpenOffice.org, anche se non tutti i file .oxt sono file UNO

  1. Riavviare OpenOffice.org

Se durante l’installazione ricevete l’errore “Questo tipo di supporto non è supportato: application/octet-stream” è normale; o meglio non è normale, però lo dà anche a me e funziona benissimo :mrgreen: . Continuate tranquillamente l’installazione 🙂

Alla fine, questo sarà il risultato:

Menu per salvare e aprire file di Word 2007 perfettamente integrato in OpenOffice, come qualsiasi altro formato di file:

Apri Word 2007 in OpenOffice

Salva Word 2007 in OpenOffice

Il menu Gestione Estensioni in OpenOffice che inizia ad arricchirsi (se all’apertura vi restituisce lo stesso errore di prima, dategli OK e continuate tranquillamente):

Estensioni OpenOffice

Aprire file OpenDocument Format in Office

Fare l’inverso invece è più interessante: finalmente potremo inviare i file OpenDocument direttamente ai nostri amici che utilizzano Word senza bisogno di convertirli nel malefico .doc (prima, però, potreste suggerire ai vostri amici una bella conversione ad OpenOffice: se cercate motivi per convincerli, la guida scritta qualche tempo fa da me e Alex potrebbe tornare utile 😀 ). La guida presente sul sito del progetto è già molto completa, ma come prima non è solo in lingua inglese. Sperando di essere utile, la ripropongo qua in Italiano:

Questo è il sito del progetto da cui sto traendo le informazioni.

Qualche considerazione sui prerequisiti del computer con Office per leggere il file in formato ODF:

Sono necessari Microsoft Office XP, 2003 o 2007 per cui le versioni precedenti di Office non sono supportate.

In ogni caso, è necessario il .NET Framework 2.0. In molti casi è già installato, nel caso non lo fosse va aggiornato a parte [a questo riguardo, rimando ad una nota]

Requisito ulteriore SOLO per Office 2003 e XP (il 2007 è escluso) è il Microsoft Office Compatibility Pack.

Nota su .NET: se Microsoft Office è stato installato prima del .NET Framework, è necessario aggiornare l’installazione di Office seguendo questa semplice procedura:

  1. Aprire Installazione Applicazioni dal pannello di controllo
  2. Selezionare Microsoft Office dall’elenco e scegliere Cambia
  3. All’interno del processo di installazione, selezionare Aggiungi o Rimuovi funzioni (o qualcosa di simile 😀 ) e aggiungere il supporto a .NET

Fatto questo, ormai siamo davvero alla fine e arriva la parte più semplice 🙂

Scarichiamo questi file, il cui nome è abbastanza esplicativo o anche uno solo di questi, quello che ci serve:

ODF Add-In for Word

ODF Add-In for Excel

ODF Add-In for PowerPoint

Alla fine, dovremmo avere una simpatica aggiunta al menu di Office (le modifiche le ho provate anch’io su una versione di prova di Office 2007 per verificare che funzionino):

Word 2007 apri ODF

Excel 2007 ODF

PowerPoint 2007 ODF

Ho cercato di semplificare al massimo i passaggi, ma la guida dovrebbe essere completa e facile da seguire. Spero che possa risultare utile…

Vi segnalo anche questo sito che converte i file .docx in formato solo testo txt. Io l’ho provato e non mi ha funzionato, però potrebbe essere solo un caso. Una prova comunque la vale, anche perché non richiede nessuna installazione sul vostro computer…

Fatemi sapere nei commenti!!

Grazie a tutti e un saluto!

🙂

Annunci

OpenOffice.org 2.3 disponibile!

17 settembre 2007

E’ uscita ufficialmente la versione 2.3 del nostro amato OpenOffice!! In realtà già da ieri era disponibile sui vari specchi…

Cosa cambia rispetto alla precedente 2.2.1?

Sul fronte della sicurezza è stata corretta la falla CVE-2007-2834 che consentiva a dei file di immagine TIFF modificati di portare ad un buffer overflow e all’esecuzione di codice arbitrario.

La lista dei cambiamenti rispetto alla versione 2.2.1 la trovate sul sito di OpenOffice a questo indirizzo (40 pagine!!). Questi credo siano i cambiamenti più significativi (o che perlomeno sono riuscito a capire :mrgreen: ):

– Nuovo wizard per la creazione di grafici, anche 3D

– Numerose modifiche alle barre degli strumenti

– Possibilità di esportare i documenti in pagine Wiki

– Generatore di Report su OpenOffice 2.3 Base

– Nuove localizzazioni

– Aggiunta la funzione “anteprima nel browser”, per vedere l’effetto di visualizzazione prima della pubblicazione: questa funzione è stata aggiunta sotto il menu file

– Possibilità per le estensioni di aggiungere pagine di opzioni alla finestra di dialogo delle opzioni. Come scritto sul sito, questo può essere utile per renderla maggiormente usabile o per adattarla alle preferenze personali. Per rendere le estensioni di OpenOffice più popolari è stato aggiunto un collegamento a extensions.services.openoffice.org

– Migliorato il gestore per i crash

– Possibilità di di determinare la lingua di un testo automaticamente e questa funzionalità funziona senza l’ausilio di dizionari e quindi la lingua può essere determinata senza la necessità di avere un dizionario installato per quella lingua (funzione sviluppata durante il Google Summer of Code)

– la password di un documento cifrato viene richiesta finché non viene inserita quella corretta o la finestra di dialogo viene chiusa (finalmente 😀 )

– procede il lavoro per portare OpenOffice in MAC OS X con interfaccia nativa Aqua

– aggiunti i dizionari per il controllo ortografico dello Svedese, dello Slovacco e dell’Afrikaans

– correzioni varie per le architetture a 64bit

– migliorata l’esportazione in PDF, risolvendo molti problemi di posizionamento del testo

– correzioni di bug un po’ su tutte le piattaforme

Questo è quello che mi è balzato all’occhio, ma considerato che ho letto rapidamente potrebbe essermi sfuggito qualcosa di più importante. Non ho ancora visto un changelog semplificato per cui…

Purtroppo non è ancora disponibile nel nostro idioma, ma non dovrebbe tardare. Nel giro di qualche giorno sarà sicuramente disponibile per cui tenete d’occhio il sito italiano di OpenOffice o questo blog 🙂

Un ringraziamento alla squadra di programmatori di OpenOffice mi sembra più che doveroso!!

Tra l’altro, non l’ho riportato sul blog, ma alla lista dei sostenitori di OpenOffice si è aggiunta anche IBM (mica pizza e fichi 😉 ) che ha indirizzato 35 suoi programmatori ad OpenOffice 🙂 . Per approfondire, vi rimando a OssBlog e a PuntoInformatico.

Ho scritto questo post in fretta per cui perdonatemi eventuali errori…Li correggerò appena possibile…

Ciao!

🙂

Non c’è solo Mozilla Firefox ;-) …

13 settembre 2007

Ciao a tutti!

Forse il titolo può sembrare un po’ provocatorio, ma in questo post vorrei descrivervi le principali alternative al grande Mozilla Firefox. Sto abbandonando Firefox? Ma nemmeno per sogno 😉 (altrimenti perché avrei scritto così tanto su di lui?). Solo credo che sia sempre meglio conoscere le diverse alternative per poi scegliere quella che ci aggrada di più. Inoltre, anche gli altri browser hanno delle caratteristiche interessanti che vale la pena conoscere 🙂 …

Il problema principale di Firefox è la sua lentezza all’avvio e in generale il fatto che consuma una discreta quantità di RAM. Ho scoperto che alcuni utilizzano Internet Explorer (magari anche la versione 6, non aggiornata ) per pigrizia di cercare delle alternative, ma anche a causa di questo problema 😦 , anche se magari hanno Firefox installato. Effettivamente è un problema non da poco e a cui Mozilla dovrebbe prestare più attenzione, secondo me). Il browser di Mozilla si può comunque alleggerire: vi rimando ad una guida di GialloPorpora e ad un completo articolo su Megalab (comunque scritto da GialloPorpora 😉 , oltre che da Pacopas). Sui PC recenti la pesantezza di Firefox non è un problema, però non tutti hanno questa fortuna (o giustamente non vogliono mandare in cantina il vecchio PC dopo aver acquistato quello nuovo). C’è anche da dire che un passaggio ad un altro browser sarà praticamente obbligato per i vecchi Windows 9x (cioè quelli che non sono NT, 2000, XP o Vista) in quanto la prossima versione di Firefox (la 3) non supporterà più questi sistemi operativi e la versione 2 non sarà supportata per sempre (qualcuno sa fino a quando lo sarà?).

Queste sono le alternative che vi propongo, con qualche opinione personale (vista la lunghezza, ho preferito dividere il post; spero che questo non crei disagi: se ci dovessero essere lo riunisco 🙂 ):

(more…)

Sony PS3: supplemento a Microsmeta n°18

29 luglio 2007

Salve a tutti!

Le collaborazioni tra blogger e podcaster continuano 🙂 . L’idea è partita da Alex e ha coinvolto anche me. Avrebbe dovuto coinvolgere anche Claudio, ma ci sono stati problemi tecnici. Infatti, la registrazione in diretta è stata resa impossibile dai diversi fusi orari e la registrazione normale da conflitti di diritti per installare Audacity sul suo PC. A me dispiace molto che Claudio non sia riuscito a prendere parte al podcast visto il suo interesse verso la console di Nintendo, soprattutto, ma ci saranno altri modi per farlo (sfogliando il suo blog troverete già molti articoli inerenti la Wii).

Mi sarebbe piaciuto ascoltare anche altre esperienze, visto che in queste cose più si è meglio vengono, secondo me. Ognuno avrà le sue esperienze e preferenze e quindi per avere un’idea più oggettiva possibile è sempre meglio ascoltare più esperienze possibili. Vorrei scusarmi ancora con tutti per la pessima registrazione, un po’ fatta in fretta per non rischiare di essere fuori tempo con la puntata, un po’ perché l’Eyetoy non è esattamente una periferica pensata per registrare audio 😉 (e qua sento il Dok che è un amante della qualità audio che lancia improperi 😀 ), ma soprattutto perché mi sento ancora abbastanza impacciato a parlare da solo al microfono…

Sono molto contento di questa collaborazione con Alex a riguardo delle console di nuova generazione. Come al solito, Alex esagera, facendomi passare per un guru del PC, praticamente un genio della tecnologia 😉 … Se pensate di trovarvi di fronte a quello che descrive Alex, siete fuori strada 😀 … In ogni caso, Alex, grazie davvero per la descrizione 🙂 ! Ma veniamo al dunque…

Per prima cosa, vi consiglio (o meglio, vi obbligo 😀 ) a scaricare la puntata n°18 di Microsmeta da quest’indirizzo, di ascoltarla e magari di commentare con le vostre esperienze o osservazioni di qualsiasi tipo per rendere il tutto il più realistico possibile, sul blog di Alex oppure sul mio.

In questa pagina, ho riunito alcuni video che ritengo significativi a questo proposito e per far capire meglio ciò di cui parlavo brevemente durante il podcast. Per continuare a leggere, cliccate su “Read the rest of this entry”

(more…)

Ritorno dalla Grecia. E PS3!!

28 marzo 2007

Sono tornato dalla gita in Grecia sabato sera sul tardi, come ho scritto come commento nell’altro post. E’ andato tutto davvero molto bene e confermo che la Grecia ha un fascino particolare. Ho visitato i monumenti più importanti della città di Atene, di Corinto, di Micene e il teatro di Epidauro. Riguardo alla nave, mi ero preoccupato per niente 🙂 . Nel viaggio di andata il mare non era molto mosso e mi sono abituato abbastanza velocemente al fatto che tutto si muovesse, senza prendere nessuna pillola per il mal di mare, mentre nel viaggio di ritorno il mare era piuttosto mosso, ma non me ne sono accorto, forse perché la nave era comunque più grande, forse perché in parte mi ero abituato. Inoltre, entrambe le navi, soprattutto la seconda, erano ottime e all’interno c’era di tutto, persino la discoteca. A parte il fatto che da mezzanotte in poi hanno suonato solo musica greca (che è bella, ma alla lunga stanca), nonostante avessimo implorato il DJ di mettere dell’altra musica 😉 . Alcuni momenti monumenti sono tenuti bene, come il Partenone, mentre altri sono veramente trascurati, purtroppo. Tra questi soprattutto Corinto, dove per arrivare sembra di dover attraversare un campo-profughi dove bisogna camminare in fila indiana e stando attenti a dove si mettono i piedi 😦 . Visto il valore storico che hanno, meriterebbero di essere tenuti sicuramente meglio…

Altra cosa: finalmente è uscita PS3 nel nostro amato continente! Si è fatta un po’ attendere, ma alla fine è arrivata 🙂 . Io ho la fortuna di avere un amico appassionato di videogiochi che l’ha comprata subito e così ho potuto provarla direttamente e non nel negozio con la ressa di persone dietro che spingono. L’impressione che mi ha fatto è decisamente positiva. Una cosa che ho provato poco è stato il gioco in rete, anche se ho provato la navigazione su Internet che nonostante qualche piccolo problema di visualizzazione è andata bene. Dal momento che il mio amico possiede anche PS, ho provato anche la funzionalità di “riproduzione remota”, grazie alla quale è possibile visualizzare via Wi-Fi il contenuto di PS3 (quindi video, foto e musica) direttamente sullo schermo della PSP. E’ possibile fare lo stesso anche con la chat. La visualizzazione dei video è davvero ottima. Lascia davvero esterrefatti per la qualità e la riproduzione si avvia subito senza buffering. Il Sixaxis (il joypad) è veramente leggerissimo, forse anche per la mancanza, per ora, della vibrazione ed è sensibile al punto giusto. Il sensore del movimento l’ho provato poco e devo ammettere che non è proprio semplicissimo da utilizzare, ma è solo questione di prenderci la mano. Il mio amico lo usa già molto bene 🙂 . I giochi che ho provato sono stati Motorstorm e Resistance e mi sonoparsi entrambi realizzati bene, soprattutto se pensiamo che sono i primi giochi…

Che altro dire? Qualcuno di voi l’ha provata o magari ce l’ha già a casa? Cosa ne pensate?

E se siete indecisi sull’acquisto o volete fare qualche domanda direttamente a chi già ce l’ha, fate pure. Il mio amico sarà contento di rispondervi, spero 😉 . E sempre che non stia giocando 😀 …

Ciao!

🙂